Sabato, 23 Maggio 2020 14:36

Non lasciamo indietro le donne

Dal 22 maggio, proprio nella Settimana Laudato si’, è disponibile anche in Italia un’app gratuita che “regala” il creato ai non vedenti.
I due eventi non sono collegati, ma l’arrivo in Italia di Seeing AI è un’opportunità nuova per le persone con disturbi visivi. Grazie alla fotocamera dello smartphone, permette loro di vivere l'ambiente circostante in un'esperienza completamente nuova.

Leggere, identificare i segnali stradali, riconoscere i volti degli amici, ma anche osservare un paesaggio o riconoscere un animale: sono azioni normali che diamo per scontate. Ma che oggi saranno un po’ più facili per tutti e tutte noi.
Il rischio di oggi, è però un altro e molto più grave: se non riusciremo a risolvere questa crisi socio-economica nel modo giusto, in un modo green, molti paesaggi e molti animali non saranno più visibili per nessuno.

Oggi più che mai abbiamo bisogno di ripartire in modo diverso, lo diciamo da tempo, ma la strada da percorrere sembra non essere ancora chiara.

Nei giorni scorsi, ad esempio, tutto è ripartito in una situazione al limite della normalità. Tutto tranne la scuola. E di conseguenza, tutto tranne le madri.

Negli scorsi giorni, La Federazione donne evangeliche in Italia (Fdei) ha inviato una lettera - all’attenzione della Ministra per le pari opportunità e la famiglia Elena Bonetti, e per conoscenza alla Ministra del lavoro e delle politiche sociali Nunzia Catalfo, al Ministro della salute Roberto Speranza e al Presidente del Consiglio – che contiene proposte concrete per un rilancio sociale, economico e culturale a partire dalle donne, viste come fulcro in tutti i settori della vita.

Quasi in concomitanza, tra le maggiori realtà femminili che difendono i diritti delle donne, è partita anche una petizione a livello europeo per chiedere alla presidente Ursula Von Der Leyen e al Consiglio Europeo di destinare una parte considerevole dei fondi che verranno stanziati per far fronte alla crisi del coronavirus a garantire alle donne di non perdere il proprio lavoro.

In Italia la scelta di un lockdown totale per arginare la pandemia pur non essendo facile è stata immediata.
Allora perché nella ripartenza fingiamo di non vedere, e di non sentire, quanto sia grave l’assenza delle donne?
Se lasciamo indietro loro, resteremo indietro tutti e tutte.

Last modified on Sabato, 23 Maggio 2020 15:09

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.