Lunedì, 25 Settembre 2017 06:48

Acqua, l’impegno delle donne per il bene comune

Una riflessione su uno dei prossimi eventi in agenda cogliendo il punto di vista attento di Consiglia Salvio, referente della Regione Campania per il Comitato Acqua bene comune

Il 27 e 28 settembre, a Milano, si svolgerà il primo forum internazionale «Regole dell’acqua, regole per la vita». Durante la due giorni sarà anche assegnato il premio «Women Peacebuilders for water».

Un evento impegnativo, che vedrà tanti contributi, non solo di esperti del settore, ma anche economici.

«Leggendo bene, e per chi conosce bene i fatti – spiega Consiglia Salvio, referente della Regione Campania per il Comitato Acqua bene comune - saltano subito agli occhi certi nomi che stimolano una ricerca più approfondita».

Ci sarà, per esempio, Erasmo De Angelis, che ha osteggiato ed osteggia i risultati dei referendum per l’acqua pubblica; l’ex Ministro dell’Ambiente Luca Galletti, che nega le conseguenze ambientali e le colpe dell'Italia sulle trivellazioni; e l’Autorità per l'energia elettrica il gas e il sistema idrico (Aeegsi) che contrasta anch'esso l'esito del secondo quesito referendario; oppure l'Expo, su cui tanto si è discusso anche per l'ampio stand dell'acqua minerale: sperpero di denaro, sfruttamento del lavoro degli studenti e poca tutela dell'ambiente.

«Ma soprattutto - continua Salvio - leggere di partenariato, e quindi di ingresso di privati, oppure di acqua e partecipazione, escludendo chi dell'acqua si è interessato da quasi due decenni (Forum Comitati Cittadini); oppure leggere di studenti e università e scuole, senza coinvolgere Riccardo Petrella, fondatore dell'Università dell'Acqua e dei Beni comuni, o il Contratto Mondiale dell'Acqua, mi fa restare senza parole».

Come poi spiega, però, non tutto è negativo. A questa iniziativa parteciperà con un suo documento, e quindi impegnato in prima persona proprio per la sua esperienza, Maurizio Montalto, presidente del consiglio di amministrazione di Acqua bene comune di Napoli.

Inoltre, oltre ad evidenziare il problema, questo forum porterà dei tentativi di soluzione grazie all’esempio portato dalle iniziative che saranno premiate: donne che si sono distinte nella risoluzione dei conflitti che possono sorgere per l’abuso delle risorse naturali. Le tre finaliste sono Mara Tignino, coordinatrice della piattaforma per le regole internazionali riguardanti l’acqua del Ginevra Water Hub e ricercatrice dell’Università di Genova; Erika Weinthal, docente della Nicholas School of the environment della Duke University Usa; e Amina Abdulkadir, somala, dove in Africa affronta problemi di condivisione dell’energia.

Last modified on Lunedì, 25 Settembre 2017 07:10

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.