Martedì, 02 Febbraio 2021 17:22

Migranti nel gelo balcanico: l’Europa agisca ora

Con un comunicato che Nigrizia ha scelto di pubblicare integralmente, il Segretariato attività ecumeniche (Sae), associazione interconfessionale di laiche e laici per l'ecumenismo e il dialogo, richiama l’Europa e i cristiani tutti sulle responsabilità di fronte alla drammatica situazione dei migranti intrappolati nel gelo sulla “rotta balcanica”

Nella Charta Oecumenica, documento firmato a Strasburgo il 22 aprile 2001, le Chiese europee hanno scritto: «Vogliamo contribuire insieme affinché venga concessa un’accoglienza umana e dignitosa a donne e uomini migranti, ai profughi ed a chi cerca asilo in Europa». Sono trascorsi vent’anni. In queste settimane nei Balcani constatiamo come questa volontà sia frustrata.

Molti, giustamente, denunciano quella che Johann Sattler, ambasciatore Ue e rappresentante speciale in Bosnia ed Erzegovina, ha definito come una “crisi umanitaria artificiale”. La situazione è ormai nota; essa però non muta. Migliaia di persone continuano a vivere in condizioni disumane.

Da pochi giorni abbiamo celebrato il “Giorno della memoria”, quello della Shoah e quello dell’attuale drammatica situazione dei migranti nell’area balcanica sono fenomeni storici diversi e imparagonabili. Vi è però un’analogia.

Una domanda che noi poniamo a coloro che vivevano nella prima metà degli anni quaranta, in futuro sarà posta probabilmente anche a noi: voi cosa facevate? L’impasto tra indifferenza e senso di impotenza che contraddistingue l’animo di molti fu di allora ed è di ora, con l’aggravante che noi, adesso, conosciamo esattamente quanto sta succedendo.

Il Segretariato attività ecumeniche (Sae) ringrazia chi nelle Chiese cristiane di qualunque confessione sia, si sta prendendo a cuore, tanto attraverso l’aiuto quanto per mezzo di una responsabile denuncia, la drammatica situazione migratoria. «Vogliamo contribuire insieme». I “corridoi umanitari” sono un esempio concreto di questa collaborazione che va allargata e potenziata.

In riferimento alla cultura europea, un titolo di un saggio famoso affermava: «Perché non possiamo non dirci cristiani»; in un’Europa che continua a erigere muri senza trovare chi accompagna la denuncia con la pratica dell’aiuto, il titolo andrebbe riscritto così: «Perché non possiamo più dirci cristiani».

 

Fonte

Last modified on Martedì, 02 Febbraio 2021 17:31

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.