I sogni  passano  dal Costa Rica Campo di prima accoglienza Maria Soledad Saenz
Giovedì, 06 Luglio 2017 03:16

I sogni passano dal Costa Rica

Se, a livello mondiale, si stima che il 3% della popolazione viva in un Paese diverso da quello di nascita, in America Latina questa percentuale aumenta a circa il 6%, e in Centroamerica si stima che i migranti raggiungano il 12-14% della popolazione, un valore pari a quattro volte la media mondiale.
Una testimonianza diretta da chi sta al fianco di questa umanità in movimento

La migrazione è una realtà strutturale e strutturante: coloro che partono hanno nelle loro valigie illusioni e paure, mescolate in gradi di diversa intensità.
Chi transita dal Costa Rica sogna un lavoro dignitoso e ben remunerato, ma subito affronta il dilemma di non sapere come potrà attraversare la frontiera tra Messico e Stati Uniti, principale destinazione dei flussi. Chi riesce a raggiungere la meta, vive l’ambivalenza fra opportunità di restare e rischio di espulsione.
In tempi recenti, anche persone che provengono dall’Africa percorrono i meandri migratori dell’America Centrale.

L’Africa è anche qui
Il 15 aprile 2016, centinaia di africani arrivano nella zona meridionale del Costa Rica, alla frontiera con il Panama. Avevano raggiunto il continente pensando di vivere in Brasile, dove all’inizio del millennio la richiesta di mano d’opera aveva favorito l’immigrazione. Con il recente crollo economico, però, gli ingressi e le possibilità di impiego nel Paese sudamericano si sono notevolmente ridotte.
Così i migranti africani avevano pensato di cercare lavoro negli Stati Uniti. Dal Brasile avevano raggiunto in autobus il Perù, l’Ecuador o la Colombia, per poi procedere a piedi fino a Panama e Costa Rica.

Continua

Last modified on Giovedì, 06 Luglio 2017 03:24

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.